Nomination al Liebster Awards – 2

Incredibile!

Per un evidente colpo di follia 🙂 sono stato nominato, per la seconda volta per questo premio: il Liebster Award.

Ringrazio moltissimo Deborah, che sotto ai fumi dell’alcool, da questo suo bellissimo blog http://deborahdonato.wordpress.com/
ha sbagliato e mi ha nominato! 🙂

Liebster Awards

Liebster Awards

Il “Liebster Award” è una iniziativa che promuove i blog microscopici/poco noti, con meno di 200 followers.

Il suo regolamento è questo:

– ringraziare e linkare il blogger che ti ha nominato -> appena fatto
– rispondere alle 10 domande poste da chi ti ha nominato -> fatto [20140403]
– nominare altri 10 blog che hanno meno di 200 followers -> già fatto durante la mia precedente nomination  [20140210-1040]
– formulare 10 nuove domande -> gia fatto per la mia precedente nomination [20140210-1118]

Queste sono le 10 domande che ho ricevuto e le mie risposte:

1. Lo scrittore con cui usciresti a cena.
Probabilmente con Douglas Hofstadter autore dell’incredibile libro “Gödel, Escher, Bach: un’eterna ghirlanda brillante”. Da leggere sia che si ami la matematica, la musica o l’arte o nessuna di esse. Fa creare connessioni cerebrali, fa pensare, fa vedere da diverse angolature.

2. Se fossi un personaggio letterario, saresti….
Mi vedo nei panni di qualunque personaggio che crede nel lavoro, nella tenacia, nell’impegno rafforzato davanti alle difficoltà. Arrendersi mai! Failure is not an option!

3. Il cibo che preferisci.
Da trapiantato in Emilia: tagliatelle al ragu e tortellini alla panna [ma poi vanno smaltiti…]

4. Da quanto tempo hai un blog?
Esattamente dalla lunga notte del 2 ottobre 2013.

5. Cosa vedi dalle finestre di casa tua.
Un tranquillo giardino, qualche albero da frutto. Vorrei vedere le dolci e regolari colline dell’Emilia.

6. A cosa serve la letteratura?
A distinguere il genere umano dagli animali. A far crescere le persone attraverso la conoscenza. A far emozionare, ridere, pensare, crescere, ideare, creare…

7. Nonostante tutto, avrei preferito che quella mattina…… Continua questo incipit.
il telefono fosse rimasto muto. Invece alle 6:55 precise, mentre il sole iniziava ad accendere le sue caldaie, una voce perentoria, quella di Michele, il mio capo dell’epoca disse, testuali paroli che ricordo ancora con un piccolo brivido: “E’ fatta, Daniele, è fatta! Non ci credo ancora. Domani sei in squadra, il progetto F149 è partito…”

8. L’oggetto che ti è più caro.
Non ne posso citare uno solo, farei un torto all’altro.
1 – L’orologio che mi è stato regalato per la nascita della mia prima figlia.
2 – La stampa della telemetria di un giro da pole position da favola.

9. Cos’è la noia?
Mai avuta negli ultimi 20 anni… non sono la persona giusta cui chiederlo. Sorry 🙂

10. Dai un consiglio al mio blog.
L’home page è vuota: ci sono 5 cm verticali per 100 parole delle voci delle categorie, si potrebbe razionalizzare. L’utente non riesce a percepire di che cosa si parla.

Grazie ancora Deborah!

Daniele Vanoncini

Questa voce è stata pubblicata in varie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Nomination al Liebster Awards – 2

  1. deborahdonato ha detto:

    Belle risposte, quella sulla noia è proprio mia. Sai che sul consiglio hai colto nel segno? i stavo pensando da un po’ di tempo.

    "Mi piace"

    • dv8888 ha detto:

      Sarà anche banale ma una classica barra orizzontale con i titoli/nomi delle categorie di primo livello per me è il massimo della razionalità.
      La paragonerei all’indice di un libro, Non può non esserci.
      Dan

      "Mi piace"

      • deborahdonato ha detto:

        cambio subito, grazie.

        "Mi piace"

        • dv8888 ha detto:

          passo a guardare con occhio critico al termine dei lavori.
          P.S. Hai un invito su linkedin

          "Mi piace"

          • deborahdonato ha detto:

            sai che non ci riesco a modificarlo? Per metter nel menù superiore, dovrei inserirle come pagine, ma non si aggiornerebbero automaticamente, credo. Non so.

            Passo da linkedin

            "Mi piace"

          • dv8888 ha detto:

            Mi sa che dipende dal tema che usi.
            Dovresti avere un tema che accetti il concetto di menu da inserire nella testata.
            Crei il menu e gli assegni un nome.
            Lo inserisci nella testata.
            Associ le pagina di una determinata categoria ad essere mostrate nel menu alla voce relativa.

            "Mi piace"

          • deborahdonato ha detto:

            penso anche io. Pensavo già da qualche giorno di sfoltire le categorie. Ora vedo…stasera devo scrivere il nuovo articolo su scrivo.me e non ho ancora deciso di preciso l’argomento. Non è che avresti un consiglio anche su questo? Mi sa che sono ancora provata dai segretari

            "Mi piace"

          • dv8888 ha detto:

            Dunque, in scrivo.me vedo articoli sul come fare/non fare qualcosa ma hanno tutti in comune il concetto di personaggio.
            Si può estendere in varie direzioni:
            come descrivere/non descrivere una emozione in modo che venga percepita da chi legge?
            come descrivere/non descrivere un luogo in modo che venga ad essere attorno al lettore

            secondo livello di estensione:
            eliminiamo un senso
            come descrivere/non descrivere una situazione per un cieco/sordo/muto?

            terzo livello di astrazione:
            eliminiamo il concetto di tempo.
            come descrivere/non descrivere perché sia valido in ogni contesto sociale/termporale (doppio senso del temporale: storico e dell’età dell’uomo) un sentimento

            mi fermo? 🙂

            "Mi piace"

          • deborahdonato ha detto:

            Sei gentilissimo; il punto è che la rubrica che ho concordato con loro si chiama La bottega dei personaggi, proprio perché devo occuparmi di quello, almeno per ora. Ne ho un’altra in cantiere, ma non so quando la attiveranno. Pensavo di scrivere sull’evoluzione, cioè la crescita vera e propri, di un personaggio. Vediamo…

            "Mi piace"

          • dv8888 ha detto:

            TROVATO!!!
            scaricati da qui

            http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=2&ved=0CDkQFjAB&url=http%3A%2F%2Fhomes.di.unimi.it%2F~alberti%2FMm08%2Fdoc%2FQueneau.doc&ei=_tE-U8CCMOPjywP634KoAw&usg=AFQjCNHnhtuc81x6SovivTBowGNqyIHzFw&bvm=bv.64125504,d.bGQ

            come fonte di ispirazione gli Esercizi di stile di Raymond Queneau

            Poi ti inventi tu la situazione del tuo personaggio e la descrivi in 100 modi diversi.

            Anzi, la cosa mi sfagiola, e lo faccio pure io (ma non punto ad un personaggio, ora mi invento il tema da variare)

            Dan

            "Mi piace"

          • deborahdonato ha detto:

            grazie, che riserva di idee che sei! Ho appena consegnato quello per lunedì, ma per la prossima settimana, prenderò ispirazione.Grazie mille.

            "Mi piace"

          • dv8888 ha detto:

            Uno dei miei motti: tu esponi il problema che la soluzione la inventiamo noi!!!

            DanContento

            "Mi piace"

          • deborahdonato ha detto:

            il mio è dammi la soluzione che ti dimostro che c’è un problema!!!! L’utilità della filosofia….

            "Mi piace"

          • dv8888 ha detto:

            capperi!
            Spero di non incontrarti al tavolo delle trattative 🙂

            Altrimenti ci generi lavoro per anni…

            Comunque se esiste una cosa che rientra nel concetto di “soluzione” vuol dire che a monte c’era qualcosa che andava risolto -> c’era un problema…

            "Mi piace"

  2. dv8888 ha detto:

    ops, non avevo considerato tale “vincolo di progetto”.
    Le prime 5 idee che mi vengono in questi 60 secondi in cui le scrivo:
    1. (scenario da libro giallo): come descriverlo in modo da sviare l’attenzione del lettore sul vero particolare che gli farà capire che è il colpevole oppure no
    2. (scenario da libro con atmosfera intimistica): decrivere in modo paranoico, minuzioso, eccessivo una emozione secondaria. SENZA scomodare i grandi temi come amore, morte, filosofia. Una inutile banale emozione secondaria. Un caffè buono, la visione di un bell’oggetto in una vetrina. 5 pagine INUTILI di descrizione di quella emozione.
    3. (scenario da libro thriller): i 30 secondi prima di un omicidio in cui vittima e assassino si guardano. cosa pensa/prova uno e cosa l’altro
    4. (scenario hard): un orgasmo
    5. la stessa situazione/scena vissuta a 3 età diverse.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.