Il metallo… ascoltalo!

Questa mattina, prima di iniziare a lavorare, leggevo l’intervista ad un artigiano, direi un artista, delle lavorazioni meccaniche di altissima precisione.

Serie limitatissime, pezzi praticamente unici in serie di 3, 4, 5 pezzi o poco più.

Lavorazioni meccaniche eseguite a mano, torni e frese non cnc. A mano.

In tale intervista, parlando di parametri al tornio, c’erano alcune frasi fantastiche:
“Scelgo la mia velocità di taglio in base alla mia percezione. Inizio con un valore minimo, quindi provo: se il truciolo è bello, quindi fluido e senza barba, significa che la velocità è corretta. Se il truciolo non è bello, ha l’aspetto di una briciola o di un filo spinato aumento la velocità per ottenere una bella ghirlanda.”

Poi prosegue con:
“L’utensile non è una protesi, è solo l’estensione della mano dell’uomo. A volta, durante la lavorazione, quando il truciolo fa un rumore molto acuto, che ne altera la fluidità, significa che è venuto il momento di ridurre la velcoità di taglio o di controllare l’affilatura.”

Ma il massimo è qui:
“Che si tratti della scelta della velocità, della testa del tornio o dell’assenza di lubrificazione non bisogna mai dimenticare che occorre prestare attenzione al metallo: il metallo ti parla, devi saperlo ascoltare!

La cosa mi tranquillizza: non sono l’unico al mondo che parla ad oggetti metallici e pensa che abbiano un’anima…! 🙂

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in lavoro, meccanica, varie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il metallo… ascoltalo!

  1. Man from Mars ha detto:

    E poi c’è il legno, che pure è un gran chiacchierone 🙂

    Mi piace

    • dv8888 ha detto:

      Non ho esperienza di tali lavorazioni, ma non ho dubbi…

      Mi piace

      • Man from Mars ha detto:

        Anch’io pochissima, purtroppo, ma quando guardi un pezzo di legno massello, le venature, la direzione delle fibre, la consistenza ti dicono che non puoi sbagliare a lavorarlo. Il metallo mal che vada lo rifondi in un nuovo lingotto o ci metti “un cerotto” con una saldatura; il legno è quello che è.
        Con tutto il rispetto per il signore di cui racconti che pure è affascinante nel suo approccio all'”arte” dell’asportazione di truciolo e sicuramente saprà tirare fuori dei pezzi (o dovrei dire “opere”) di qualità altissima.

        Mi piace

  2. Nuzk ha detto:

    No, non sei l’unico…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...