La perfezione percepibile

Considerazione lavorativa di oggi:

Devo mettermi in testa che il perfezionismo portato all’estremo non mi porterà da nessuna parte. Non mi farà concretizzare progetti.

La perfezione è un asintoto: è inutile andare oltre a ciò che poi può essere umanamente percepito.

Oltre a tale livello, del percepibile, probabilmente sono solo seghe mentali [a meno che ci siano impatti teorici, ma non è il mio caso].

Devo quindi ottenere, in modo pragmatico, nel lasso di tempo disponibile, il massimo livello di qualità ottenibile. Ma poi fermarmi.

[Riapplicare allo step successivo.]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in lavoro, tempo, varie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...