Sezione divulgativa IT – 8 – Il modello dell’IT bimodale

Due note su una interessante, moderna ed innovativa proposta relativa alla gestione dell’IT all’interno di una azienda.

IT BIMODALE: pratica di gestione in 2 modi, paralleli e contemporanei, coerenti e separati dell’IT. Un modo con il  proprio focus sulla stabilità e l’altro sulla agilità.

MODO 1: tradizionale e sequenziale, basato su sicurezza e precisione.
(Paragonabile ad un maratoneta)

MODO 2: esplorativo, non lineare, basato su agilità e velocità.
(Paragonabile ad un velocista)

Gartner, ad oggi, consiglia in questo modo i CIO: l’IT deve diventare bimodale. Visto come la formula vincente per poter approfittare delle trasformazioni della infrastruttura tecnologica in atto traendone vantaggio senza perdere contemporaneamente il controllo. La previsione è che per il 2017 circa il 75% delle organizzazioni IT sarà bimodale.

La rivoluzione del digital business sta producendo un grande cambiamento, che le aziende, nolenti o volenti, indipendentemente dal proprio settore, devono comprendere e accettare. Se non lo faranno, rispettando le nuove regole, subiranno la concorrenza di chi è già partito.

La sempre maggior pervasività dell’information technology darà luogo a una miscelazione di competenze, facendo sì che l’IT non sarà più solo una funzione per addetti ai lavori, ma che si estenderà sempre più ad altri ambiti: si pensi agli scenari dei Big Data, della stampa in 3D :), del mondo dell’internet delle cose.

Le trasformazioni sono tipicamente difficili da comprendere e mettere in pratica.

L’attuare questa trasformazione, questa accettazione dell’innovazione, dovrà comunque avvenire in maniera controllata e progressiva, stabilendo quali aspetti accettare ed adottare e quali – per il momento – no.

Per Gartner, il metodo con cui le organizzazioni possono trarre vantaggio dalle trasformazioni in atto senza perdere il controllo della propria infrastruttura è proprio l’approccio “IT bimodale”.

In questa tabella la sintesi della comparazione tra i 2 modi:

MODO 1 CONCETTO MODO 2
A cascata Approccio Agile
Basato su piano strategico definito a priori Governance Basato su progetto empirico continuo (pioneristico)
Poche relazioni, di lungo termine Sourcing Molte relazioni, di breve termine
Processi e progetti tradizionali Uso Progetti nuovi, tipicamente non ben definiti a priori
Lungo (> mesi) Ciclo Breve (giorni o settimane)
IT centrico, lontano dal consumatore Cultura Business centrico, vicino al consumatore
Affidabilità Obiettivo Agilità

Il valore dei 2 approcci è evidentemente diverso: unendoli si ottiene un valore complessivo ben superiore al modo 1 o modo 2 [con l’eccezione delle startup] preso singolarmente.

Lato mio nel mio piccolo, questo approccio, credo di averlo sempre adottato, ma vederlo scritto e teorizzato da Gartner fa un grande piacere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in divulgazione IT, p::nnnn e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...