Addio Stephen Hawkings, genio della cosmologia

Stephen William Hawking (Oxford, 8 gennaio 1942 – Cambridge, 14 marzo 2018): quasi tutti lo hanno ricordato per i tuoi studi, libri e risultati nel campo della cosmologia quantistica, fisica teorica, matematica, astrofisica.

Per le sue teorie sui buchi neri, la loro termodinamica e relativa “radiazione di Hawking”, sull’origine senza confini dell’Universo, sui multiversi, sulla formazione ed evoluzione delle galassie e l’inflazione comica.

Per i suoi libri divulgativi su tali tempi e sul tempo (tra cui: Da big bang ai buchi neri – Piccola storia del tempo – La natura dello spazio e del tempo – Dove il tempo si ferma. La nuova teoria sui buchi neri – La grande storia del tempo), la sua origine, la sua essenza.

Temi che mi fanno pensare.

Io – oggi, in ritardo – voglio ricordarlo per la sua incredibile ironia, sintetizzata nella prima frase di questo trafiletto, tratta dal “Corriere della sera” del 15/03/2018.

StephenHawking_F1

Cosa aggiungere? Nulla, mi mancherà (anche se da oggi potrà guardare le stelle – invece che i piedi, cosa che lui non ha mai fatto – molto più da vicino).

RIP

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in lavoro, libertà, motori, p::nnnn, scienza, tempo e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Addio Stephen Hawkings, genio della cosmologia

  1. È stato un grande uomo..indimenticabile

    Piace a 1 persona

  2. vividody ha detto:

    Che la terra li sia lieve …Era un mito …Grazie di cuore per l’iscrizione al mio blog . Buona serata .

    Piace a 1 persona

  3. amleta ha detto:

    Quasi nessuno conosceva Stephen, solo gli addetti ai lavori, gli appassionati di scienza e una topina di biblioteca come me che lo scovò tantissimi anni fa. Se non fosse stato per il fil ” La teoria del tutto” sarebve rimasto un perfetto sconosciuto. Anni fa provavo a parlarne a molti di quel libro, dal big bang ai buchi neri, ma nessuno sapeva e nessuno capiva. Ora lo osannano perchè solo Hollywood ha saputo tirarlo fuori dall’ambiente in cui viveva. Peccato che l’abbiano scoperto troppo tardi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...