Raggi di luce e domande

Osservo la realtà; dai miei occhi, attraverso una finestra, vedo degli oggetti.

Luce, onde elettromagnetiche/fotoni, messa a fuoco attraverso il mio cristallino, stimolazione della retina, impulsi nervosi, elaborazione cerebrale e costruzione dell’immagine.

Cosa ne consegue?
Che per percezione, abitudine e comodità mentale, per tassonomia occidentale, per semantica, per consuetudine, quello che vedo e che esiste oltre la finestra non sono io. Non sono neppure la finestra, non sono la luce che arriva ai miei occhi.

Ci consideriamo entità separate.

Dove finisce tale raggio e dove inizia la mia percezione?

Ma se provassi a “ruotare l’attenzione di 180°, dirigendola verso di me?”
Cosa c’è di diverso tra ciò che identifico come “me” e tutto il resto (la finestra, la luce che arriva ai miei occhi, gli oggetti che osservo)?

Sembra esistere un atto di osservare. Sono l’atto di osservare? Mi ci posso identificare? Sono il raggio di luce?

E se estendo questo concetto verso ogni terzo che osserva?
Esiste un unico, complessivo, universale atto di osservare?
Non è più un “atto personale”.

Resta l’esperienza del vedere, dell’osservazione, del sentire.

Non so cosa pensare.

Questa voce è stata pubblicata in evoluzione, libertà, Meditazione, p::nnnn, preghiera, ricerca, scienza, tempo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.